Lo stato autorizzativo della centrale

Valutazione di Impatto Ambientale

Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali delle regioni si sono pronunciati a favore della compatibilità ambientale del progetto della centrale di Rizziconi, grazie alla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA).

Criteri di valutazione e fasi autorizzative dell’impatto ambientale

Lo studio di Impatto Ambientale ha individuato, studiato ed esaminato tutte le componenti ambientali potenzialmente coinvolte nello sviluppo del progetto della centrale, con particolare attenzione all’analisi dei seguenti aspetti ambientali:

  • consumi d’acqua e scarichi idrici;
  • emissioni in atmosfera e qualità dell’aria;
  • emissioni sonore e clima acustico;
  • microclima del territorio circostante;
  • campi elettromagnetici;
  • inserimento dei manufatti nel contesto paesaggistico;

 

 

  • beni archeologici ed architettonici;
  • ecosistemi naturali;
  • misure previste per eliminare o ridurre gli effetti sfavorevoli;
  • gestione eco-compatibile dell’impianto;
  • piani di monitoraggio ambientale;

.

2004
Decreto DEC/DSA/2004/00148 del 02/03/2004
La Commissione VIA ha approvato la compatibilità ambientale del progetto della costruzione della centrale
2004
Decreto autorizzativo n°55/06/2004
Autorizzazione della costruzione e dell’esercizio della centrale da parte del Ministero dello Sviluppo Economico
2012
Protocollo n. DVA/DEC/2012/0000335 del 3 Luglio 2012
Rinnovo autorizzazione integrata ambientale per l’esercizio dell’impianto con decreto del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
2019
DM 79 del 03/03/2021 pubblicato in GU n. 68 il 19/03/2021
Rinnovo autorizzazione integrata ambientale per l’esercizio dell’impianto con decreto del Ministro della transizione ecologica

Argomenti collegati

Gestione HSE

Rizziconi Energia tra sicurezza e ambiente

Scopri la Gestione HSE